6° Stormo

6 stormo image 48
La 606^ Squadriglia “Trasporti” viene costituita il 10 giugno del 1940 a Reggio Calabria, inquadrata nel 148° Gruppo Autonomo Trasporti la neo costituita Squadriglia inizia ad operare con una dotazione di cinque Siai S.73.
Per tutto il periodo della Seconda Guerra Mondiale i trasferimenti sono di routine, prima a Littoria poi a Ciampino Nord e ancora in Sicilia sempre con il compito di effettuare voli verso l’Africa settentrionale e l’Albania per rifornire le truppe impegnate al fronte.
Nel 1941 vista l’usura degli S.73 in carico, la 606^ comincia a ricevere dei Fiat G.12 e nel volgere di pochi mesi la Squadriglia facente parte sempre del 148° GAT viene inquadrata prima nel 45° Stormo Trasporti, poi ritorna autonoma e poi ancora sotto il neo costituito 48° Stormo Trasporti di Centocelle, cambia il Comando ma le missioni rimangono sempre le stesse, garantire i collegamenti verso il Nord Africa, missioni che comportano una grave usura dei Fiat G.12 e la perdita di molti equipaggi, nel 1943 con la disfatta delle Forze Armate la 606^ Squadriglia viene sciolta.
Nel 1967 la 606^ Squadriglia Collegamenti viene ricostituita a Ghedi dove tuttora vi opera.
I compiti odierni della Squadriglia sono ben definiti: garantire allo Stormo gli spostamenti del personale su altri basi con propri mezzi aerei, mantenere in efficienze le barriere di arresto sulla pista di volo e ultima ma non per importanza dare assistenza ai velivoli di passaggio.
La 606^ Squadriglia Collegamenti è dotata di un Siai S 208M che viene utilizzato dal personale della base per spostamenti veloci su altre basi della Forza Armata, inoltre il Siai viene utilizzato dai piloti che posseggono l’abilitazione su questo specifico velivolo per mantenerla valida o per abilitare quei piloti che non l’hanno ancora ottenuta. Il personale appartenente alla Squadriglia è abilitato ad effettuare interventi manutentivi sul 208 fino alle 100 ore di volo dopodichè il velivolo deve essere mandato a Guidonia per interventi più pesanti.
Per quanto riguarda le barriere il personale della 606^ dopo aver partecipato ai corsi che si svolgono a Lecce Galatina, dove esiste una scuola specifica per le barriere di arresto, matura l’esperienza necessaria qui a Ghedi che gli permette di effettuare qualsiasi tipologia di intervento manutentivo o di ripristino alle due barriere poste sulle estremità della pista di volo, barriere che devo permettere l’arresto in sicurezza del velivolo in caso di avaria al sistema frenante, l’arresto del velivolo avviene tramite il gancio di emergenza che ogni aereo ha in dotazione.
Un’altra mansione a cui è dedito il personale della Squadriglia è garantire l’assistenza tecnica ai velivoli che transitano sulla base di Ghedi provenienti da altri basi aeree che possono essere nazionali od estere, questo servizio ha anche una denominazione internazionale “Cross Servicing”. Il personale è abilitato ad operare su tutti i velivoli in forza alla nostra Aeronautica Militare, tranne per i trasporti che hanno a bordo un loro tecnico, e per il momento anche per il caccia Typhoon per il quale il personale è ancora in fase di istruzione; queste abilitazioni vengono mantenute valide partecipando a corsi specifici sulle basi di pertinenza per ogni tipo di velivolo. Per quanto riguarda i velivoli di passaggio di forze aeree straniere (se non di ugual modello in forza all’AM) il personale della 606^ opera sul velivolo in stretta collaborazione con l’equipaggio dello stesso e non in autonomia.
6 stormo image 49
6 stormo image 50

English translation

work in progress