MariSTAeli Luni

maristaeli luni image 31
maristaeli luni image 32
maristaeli luni image 33
Il 5° Gruppo Elicotteri viene ufficialmente costituito il 1 novembre del lontano 1969 sulla base di Luni Sarzana, l’iniziale dotazione di elicotteri consiste in due AB 47J “Jota” ricevuti pochi giorni prima (21 ottobre 1969) della costituzione del reparto, elicotteri ceduti al nascente Gruppo Elicotteri direttamente dalla MariEliport Catania che nel frattempo era in fase di conversione sul nuovissimo “Sea King”, oltre ad una modesta componente di volo il 5° Gruppo prende vita con una ristretta “manciata” di personale suddiviso tra Ufficiali Piloti (tre), Ufficiale Tecnico (uno) e vari Sottoufficiali (20), nei mesi successivi si amplia la rosa di mezzi a disposizione con l’arrivo di due AB 47G e tre SH 34J. Dopo un primo periodo di forti difficoltà nel giugno del 1971 arriva un primo riconoscimento con il ricevimento della Bandiera di Guerra consegnata al 5° Gruppo Elicotteri da parte delle sezioni ANMI (Associazione Nazionale Marinai d’Italia) di Crema e Sarzana. Sempre nello stesso periodo la componente di volo del reparto si amplia ulteriormente come quantità numerica ma con l’arrivo dei primi AB 204AS si evidenziano notevoli problemi logistici nel mantenere attive quattro differenti linee di volo, oltretutto esclusi i nuovi Agusta Bell la altre linee di volo sono obsolete e non più valide sotto il profilo dell’impiego operativo navale.
Nel 1972 avviene la definitiva alienazione delle linee AB 47G e J con la consegna degli ultimi “Jota” all’Arma dei Carabinieri nel novembre dello stesso anno, sino al 1976 con la consegna dei primi AB 212ASW il Grupelicot 5 assolve il proprio principale compito istituzionale di supporto tecnico degli elicotteri imbarcati con due linee di volo, quella dotata di SH 34J “Seabat”, che viene utilizzata per le prime sperimentazioni come supporto agli Incursori della Marina, mentre la linea AB 204AS diventa un pilastro della lotta antisommergibile, la radiazione degli ultimi tre esemplari del “Seabat” avviene nel giugno del 1979, e quasi in contemporanea anche gli AB 204AS vengono ceduti progressivamente al Corpo dei Vigili del Fuoco.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

   
maristaeli luni image 35                                                                               maristaeli luni image 36
L’attuale Comandante del 5° Gruppo è il Capitano di Fregata Fabio Livraghi, classe 1966 è nato a Milano il 25 novembre ed ha frequentato l’Accademia Navale di Livorno nel periodo 1987-1991 conseguendo il grado di Guardiamarina e la laurea in Scienze Marittime e Navali.
Dal 1992 al 1994 è stato trasferito negli Stati Uniti presso le scuole di volo della United States Navy, conseguendo prima il brevetto di pilota militare di aeroplano presso lo Squadron VT-31 di Corpus Christi (Texas) e successivamente il brevetto di pilota militare di elicottero presso lo Squadron HT-8 di Pensacola (Florida).
Nel 1995, al rientro in Italia, ha conseguito l’abilitazione sull’elicottero AB 212 presso il 2° Gruppo Elicotteri di Catania e la qualifica LCR (Limited Combat Ready) attendendo il Tirocinio Elicotteri 2°/94.
Una volta conseguita la Combat Readiness per i tre anni successivi sino al 1998 è stato imbarcato sulla Fregata Euro come Ufficiale addetto alla Componente Volo conseguendo, nel periodo, la caratteristica “B” per le operazioni di decollo e appontaggio dalle unità navali e la qualifica di Pilota CR (Combat Ready).
Per Livraghi il 1998 e il 1999 sono stati due anni di attività di studio dove ha frequentato la 204^ Sessione della Scuola di Comando Navale ed il XXII° Corso Normale di Stato Maggiore presso l’ISMM. (Istituto di Studi Militari Marittimi) di Livorno. Nel successivo biennio ancora imbarcato sulla Nave Orsa e sulla Nave Aliseo con l’incarico di Capo Componente Volo, durante i periodi di imbarco ha partecipando alle operazioni Sharp Guard, IFOR, C.Es.Al e StaNavForMed.
Nel 2001 arriva anche il primo Comando di una Nave, la Gorgonia, per il periodo che và dal 6 settembre 2001 al 6 settembre 2002, unità con la quale ha partecipato all’operazione Albania.
Dal settembre 2002 al maggio 2004 è stato destinato al 5° Gruppo Elicotteri di Maristaeli Luni con l’incarico di Capo Reparto Operazioni ed ha svolto l’incarico di Comandante della Sezione Elicotteri imbarcata sulla Nave Scirocco durante l’operazione Active Endeavour.
Negli anni che vanno dal 2004 all’agosto del 2008 ha ricoperto l’incarico di Capo Ufficio Elicotteri presso COMFORAER a Roma, e di rappresentante della Marina Militare, alla missione ISAF presso la cellula italiana a CENTCOM (Tampa). Con il ritorno nella Madre Patria il Capitano di Fregata Livrgahi dal 24 ottobre 2008 gli è stato assegnato il ruolo di Comandante del 5° Gruppo Elicotteri presso MariSTAeli Luni.
maristaeli luni image 37
maristaeli luni image 38
Nei primi anni 80 si delinea quella che è la struttura odierna del Reparto, una sola linea di volo dotata di AB 212ASW/ASuW con una media annuale di 20/22 velivoli in dotazione che si è ridotta nel nuovo millennio in previsione dell’assegnazione dei nuovi NH 90.
Come è già stato descritto precedentemente il compito primario del 5° Gruppo è di fornire gli elicotteri della linea AB 212 alle unità navali della Squadra Navale, compito che ha rappresentato in tutti questi 30 anni la “mission” per il personale del Reparto. La fornitura degli elicotteri alle unità navali comporta un delicato lavoro di programmazione che si può definire di carattere prevalentemente tecnico, vediamo nella successiva descrizione come si svolge:
• nell’effettuazione di tutte le manutenzioni programmate dei tre livelli tecnici sugli elicotteri impiegati dal Gruppo ed imbarcati;
• nell'applicazione di tutte le modifiche e prescrizioni tecniche elaborate dalla ditta costruttrice per il miglioramento/ delle prestazioni degli aeromobili;
• nell'esecuzione di interventi a carattere straordinario ogniqualvolta si verifichino inconvenienti tecnici non risolvibili con i mezzi ed il personale di bordo.
Anche se i punti fondamentali possono sembrare pochi questa è un'attività complessa che richiede una estrema precisione nella compilazione ed archiviazione di tutti i documenti tecnici che identificano la "storia" di ciascun elicottero ed un'attenta programmazione delle lavorazioni volte a garantire sempre il maggior numero di macchine efficienti, già provate in volo ed idonee ad alimentare le componenti elicotteristiche delle navi della Marina.
Un altro importante elemento che ha sempre caratterizzato l'operatività del Gruppo, prima con l’SH 34J ora con l’AB 212, è stata la cooperazione con il Raggruppamento Incursori, attività che riguarda settori dell'attività reale ed addestrativa specifica degli incursori, quali l’eliassalto marittimo, i lanci para, il rilascio ed il recupero di squadre in zone impervie e sotto minaccia nemica, oltre ad una più generica attività di trasporto tattico.
Il Gruppo, inoltre, ha sempre assolto compiti formativi ed addestrativi a favore di piloti, operatori di volo e specialisti destinati alle linee di volo del “212” sia che essi venivano assegnati alla Base, oppure che erano in transito per altre destinazioni.
Non certo secondario è da considerarsi l'impegno a favore della popolazione civile, con numerosissimi interventi finalizzati alla ricerca e soccorso di dispersi in montagna o naufraghi in mare, ricerca di imbarcazioni alla deriva, il trasporto urgente di malati o traumatizzati dalle isole dell'arcipelago toscano verso più attrezzati ospedali sulla terraferma; di rilievo è anche il contributo prestato durante le emergenze nazionali in seguito a sismi ed alluvioni e la partecipazione, ogni anno, alle campagne anti-incendi boschivi estive ed invernali.
Un altro servizio di pronto intervento viene svolto dal 5° Gruppo, che alternandosi con il Grupelicot 1, mantiene giornalmente un elicottero sempre pronto al decollo con breve preavviso, con lo scopo di sopperire alle necessità operative militari della Marina, ma in ogni caso pienamente inserito nella catena di allerta nazionale dei mezzi aerei militari e civili, per fornire il proprio contributo in operazioni di soccorso e di protezione civile.
Pur ridotto nella consistenza di personale ed elicotteri a causa della generale contrazione dei mezzi e dei quadri della Difesa, il 5° Gruppo continua ad assolvere, con lo stesso entusiasmo e professionalità i medesimi compiti assegnati dallo Stato Maggiore Marina.
maristaeli luni image 39
maristaeli luni image 40
maristaeli luni image 41
Ad oggi il Gruppo ha in carico 13 elicotteri AB 212 nelle differenti configurazioni anti-sommergibile (ASW), anti-nave (ASuW) e trasporto, tenendo conto che mediamente 4/5 elicotteri sono permanentemente assegnati alle Unità di COMFORAL. Il 5° Gruppo può contare su una componente di circa 120 uomini che comprende:
• Ufficiali piloti;
• Ufficiali tecnici;
• Sottufficiali specialisti addetti alle manutenzioni attinenti alle specifiche categorie di appartenenza;
• Sottufficiali operatori di volo addetti all'impiego operativo dei sistemi di ricerca e tracciamento e specializzati nel recupero naufraghi;
• Sottufficiali addetti alla gestione del Personale e delle segreterie;
• Alcuni marinai di leva con compiti non inerenti la specialità.
Il Gruppo attualmente effettua circa 2.100 ore di volo l'anno, attività leggermente minore rispetto a quella degli anni passati in cui erano superiori sia gli equipaggi che gli elicotteri presenti, ovviamente però anche se inferiori le ore di volo rimangono qualitativamente le medesime e sono equamente suddivise nelle specialità assegnate al Reparto.
La manutenzione è uno dei punti di forza del Grupelicot a cui sono affidate le “cure” dei 13 elicotteri in dotazione, ad occuparsene è il Servizio Tecnico del Gruppo, l'attività di manutenzione è gravosa, con picchi in occasione delle esercitazioni più rilevanti della Squadra Navale e delle operazioni reali. Le macchine sono suddivise tra quelle di pronto impiego e quelle soggetti ad ispezioni tecniche e, pertanto, temporaneamente non efficienti al volo.
Il Servizio Tecnico è abilitato all'effettuazione dell'attività manutentiva del "secondo livello tecnico" compreso, rimanendo esclusa la sola "revisione generale" ancora affidata alla ditta costruttrice. I Sottufficiali addetti sono suddivisi in varie categorie di specializzazione: i "motoristi" addetti alle manutenzioni dei turbomotori, i "montatori" addetti agli assemblaggi dei vari elementi meccanici, gli "strutturali" addetti agli interventi sulla cellula e le pale, i tecnici elettromeccanici ed elettronici che curano l'efficienza degli apparati elettrici ed elettronici di bordo. Una ulteriore branca tecnica impegna alcuni Sottufficiali nella gestione del magazzino scorte, necessarie per garantire il pronto intervento di linea ed un'agile esecuzione delle manutenzione programmate. Oltre alle ispezioni visive giornaliere, settimanali e mensili, ogni cinque mesi gli elicotteri vengono disassemblati di tutti i principali componenti quali pale, motori trasmissione e comandi di volo affinchè possano essere effettuate tutte le riparazioni alla cellula ed i necessari controlli non distruttivi, a mezzo di ultrasuoni, raggi x e liquidi penetranti, per accertare l'eventuale presenza di difetti nei materiali che possano pregiudicare l'attività di volo. Il riassemblaggio delle macchine, con la sostituzione di quei componenti che hanno raggiunto i loro limiti di impiego, termi¬na con l'effettuazione dei voli prova, momento culminante della stretta collaborazione che si realizza tra l'aspetto tecnico curato dagli addetti alle manutenzioni e quello operativo seguito dai piloti del Nucleo Efficienza Tecnica.
Il limitatissimo ricorso alla ditta costruttrice per interventi di livello superiore testimonia sia la bontà delle macchine utilizzate che la professionalità sviluppata in questi anni nel corretto impiego e nella manutenzione dell'elicottero.
Professionalità che ha avuto modo di esprimersi anche fuori sede, su unità navali in porto o in navigazione con interventi spesso complessi e risolti nel ristretto arco temporale di 24 ore.
maristaeli luni image 42
maristaeli luni image 43
maristaeli luni image 44
maristaeli luni image 45

 

English translation

work in progress